Milano tra ‘800 e ‘900

Il 6 maggio 1898, in una città da tempo eccitata dal malcontento per l’aumento del prezzo del pane, la distribuzione illegale di un volantino socialista scatena un intervento repressivo della polizia.
Scoppia la protesta operaia: per quattro giorni Milano diventa scenario di una rivolta drammatica.

Nei primi decenni del XX secolo altri avvenimenti segnano drammaticamente la vita dei milanesi: nel 1904 si verificano nuovi scioperi; in piena guerra, nel 1916, la città viene bombardata. Nel 1923 viene istituita la carica di podestà che sostituisce quella di sindaco: il fascismo si diffonde decisamente.

La Chiesa ambrosiana attraversa con coraggio le alterne vicende storiche di inizio secolo grazie alla guida sicura dei suoi pastori. «In 25 anni di episcopato, il cardinal Andrea Carlo Ferrari aveva impresso alla diocesi un intenso ritmo di vita cristiana. In ogni settore – sociale, caritativo, politico, culturale – egli era stato presente con preziosi consigli, direttive, aiuti economici e sollecitazioni profetiche» (Angelo Majo). Achille Ratti, futuro Pio XI, e il cardinal Tosi non sono da meno e tutt’altro che personalità di transizione, nonostante il breve mandato a guida della diocesi di Milano.

INFANZIA, ADOLESCENZA E GIOVINEZZA

Adele Bonolis nasce a Milano il 14 agosto del 1909, da Luigi Bonolis e Luigia Varenna. Nonostante i genitori non siano praticanti, nemmeno in verità pongono ostacoli, lei aderisce alla comunità cristiana in modo deciso. I primi anni della sua esistenza sono saldamente ancorati ai sacramenti e ai luoghi in cui si può fare esperienza di crescita.

Si impegna moltissimo e fa tutto con entusiasmo. La ricordano in molti testimoni attiva in oratorio dalle suore orsoline di via Lanzone prima, nell’Azione Cattolica femminile presso la parrocchia di Sant’Ambrogio poi; la sua sensibilità per chi è in difficoltà e la sua capacità di accoglienza emergono sin dai primi anni di vita.

UN PRECISO TEMPERAMENTO SIN DA BAMBINA

“Ero in una chiesa grande, a Celle Ligure, e il prete predicava la guerra e i disastri, tutto il male, il cataclisma di Dio e io mi tenevo aggrappata alla sedia e dicevo: O Signore, come parlano di te, Tu sei un Dio d'amore, Tu sei un Dio di bontà, Tu se un Dio di misericordia come fanno a predicarti come il terribile, il Dio della giustizia la più crudele, perché se Dio fosse così sarebbe molto più crudele di noi, perché sarebbe una giustizia in assoluto. Noi non ci arriviamo neanche, tanto è vero che tutti i flagelli che noi vediamo, non sarebbero niente rispettivamente a Dio se fosse Lui che dovesse praticare la giustizia su di noi, guai! Invece Dio no! Dio giudica sempre con una giustizia misericordiosa. La sua è una giustizia piena di attenuanti, una giustizia piena di amore, una giustizia piena di attrazione al suo amore; che è tutto un altro tipo di giustizia. Non è la giustizia che vediamo noi: occhio per occhio, dente per dente, perché non può mai essere occhio per occhio con Dio perché il nostro occhio è troppo diverso da quello di Dio. Sarebbe un occhio terribile quell’«occhio di Dio», se fosse un occhio di giustizia così come la vediamo noi.”

 

< Torna